Skip to content

Il giorno della marmotta

10 agosto 2016

Si fa sera. Il barcone della gita ritorna. All’altoparlante chiedono un applauso spontaneo – “spontaneo” devono sottolineare. Poi, non richiesto, la guida attacca “Perdere l’amore”.
Un senso di deja vu, nel porto de La Caletta (Siniscola). Ieri siamo arrivati ed abbiamo assistito alla stessa scena. C’è anche lo stesso vento, la termica da Sud che ha vinto sul ponente-maestrale che dovrebbe regnare nelle Bocche, e che stanotte e stamattina arrivava anche qui. Ci sono gli stessi vicini, anche loro fermi in attesa di chissà cosa, come noi.
Non ricordo più bene cosa mi abbia fermato qui oggi… Forse l’idea che questo e’ l’ultimo porto verso Nord dove si possa stare senza spendere un patrimonio, forse l’ennesimo passaggio temporalesco al Nord che muoverà aria anche qui.
Però è stata una giornata di porto, piena di pulizie, lavanderie, spese, e di gestione del piccolo, che per quanto angelico, tocca badarlo sempre.
Così, ti trovi stanco di più che se avessi navigato, quando stai per mare le esigenze si fanno primarie, tutti rinunciano a farsi venire idee strane, basta arrivare, possibilmente mangiati e dormiti, e in genere ci si riesce. Adesso invece scrivo con mio figlio che urla e mi scalcia addosso, beh, sono 25 nodi equivalenti di scassamento. Domani, pare tramontana, vedremo.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...