Skip to content

Day one: L’eterna lotta tra bene e male

2 giugno 2016

La stagione 2016 tarda. Acque fredde, tempo instabile, un anticiclone africano moscio, che si fa fottere dalle valchirie germaniche. Il mondo che va al contrario.
Un gruppo di ragazze da portare a Ponza, programmate da un pezzo: la difficile mediazione tra cautela e legittime aspettative. C’è di buono che le previsioni vanno verso il bello: quando è così si prende il mare, si dura, con la consapevolezza che poi sarà migliore.
E così dopo una mattinata di vera pioggia fredda, le ragazze arrivano con un buco di sole, notizie buone arrivano dalle isole, e dunque si parte. Anche per cercare di non far arrivare troppa onda da ponente, prevista anche essa diretta dalla Sardegna, il classico pennacchio rosso scuro o viola di Lamma, che dalle Bocche sfiocca fino a sfumare rapidamente proprio alla improbabile altezza di Ponza.
Fuori regna un imprevisto Levante, leggero, che comunque mi consente di dare randa, oltre a giri duemila e cinque di motorello. L’onda c’è, dunque non devo preoccuparmi troppo che arrivi, la prendo al giardinetto e son felice così, anche se ad Ovest, oltre il meridiano di Zannone, vedo Ponza e sopratutto Palmarola al sole. A Ventotene fa spesso un tempo equivalente all’entroterra più bieco, soggetto ad addensamenti e temporali come fosse sull’Appennino. Però con il clima di oggi non ho voglia di far passare una notte in rada alle mie ospiti, il Porto Romano invece mi pare accogliente a sufficienza. Le isole del sole meglio farle nei giorni in cui il sole c’è davvero.
Evito qualche scroscio con accostate tattiche, poi il tempo mi sembra sufficientemente affidabile da potermi dedicare ad una attività lungamente praticata con il materiale che ho a bordo: la pesca.
Calo una roba semileggera, sapendo che in caso di cattura pesante il pesce si libererà piegando gli ancorotti. Filo pesante e ami leggeri, per evitare di uccidere mostri.
La natura si tara per bene, ed ecco che di lì a poco sale a bordo una tartare viva giusta giusta per 6-7.
Addestro sul momento il mio equipaggio, che si districa con il coppo come se non avesse mai fatto altro nella vita, ed in un attimo il pesce e’ a bordo!
Nel pomeriggio resto come al solito l’unico sveglio, intanto il vento ha girato a SW, allineandosi al diktat del Previsore Unico, e consentendomi di dare Genoa, dopo aver calpestato mezzo equipo.
Ora la giornata e di quelle super perfette per navigare, sole forte, aria fresca, mare blu e tanto vento al giardinetto per sfilare sull’onda.
Il tempo non si è ancora stabilito, ad Est ed Ovest vedo lunghe strisce di nubi, presagio di altra acqua, ma oramai siamo a meno di dieci miglia da Ventotene e Ciro Diving mi aspetta con la trappa in mano, poi può anche nevicare.
Le ragazze passano in rassegna i numerosi difetti dei loro compagni, e non se ne salva nessuno. La parola più ricorrente e’ “compromessi”. Come siamo carenti noi maschietti! O forse lo sono loro, sempre ad analizzare ogni singolo comportamento. È l’eterna lotta tra uomo e donna.
Avviciniamo Ventotene surfando finoltre i nodi nove, poi in più riprese riesco ad ammainare in quel piccolo fazzoletto di ridosso che l’isola offre, ovviamente pieno di barche ancorate.
Preparo la barca per l’ingresso e assegno i seguenti compiti: lancio della cima, presa della trappa, presa del mezzo marinaio da chi ha preso la trappa. La trappa, descritta come una cima schifosa di fango, viene unanimemente assegnata alla futura sposa come prova da superare.
Ma tanto, non si sa com’e’, appaiono in banchina un sacco di volontari pronti a dare una mano. Così la manovra riesce per forza, in un attimo resto solo con le mie trappe, le ragazze sono di sotto finalmente libere di fare le loro cose di femmina, per ripresentarsi con le scarpe in mano pronte a scendere.
Scena vista e rivista: il difetto del barca e’ la prevedibilità degli eventi, fortuna che c’è il meteo.

Annunci

From → Uncategorized

3 commenti
  1. Anonimo permalink

    Tonnetto?

  2. Bino permalink

    Tonnetto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...