Skip to content

17 – Da Marettimo a Trapani

18 agosto 2014

Il mare davanti allo Scalo Nuovo di Marettimo, non e’ calmo. Ma ogni mare è diverso, questo è animato da un moto sussultorio che alza e abbassa la barca, ma non la fa rollare. Non ci sono onde. E allora si dorme alla grande, fino alle sei circa, poi come al solito la cuccetta mi va stretta e devo alzarmi, pure se rincoglionito di sonno.

Il meteo dà brutto scirocco da stasera e per domani e dopo. Oggi però ancora bello. Quindi possiamo seguire il protocollo standard: chiamo il porto, prenoto la gita all’area marina protetta e chiedo ospitalità per Senza Parole. Entriamo, ormeggiamo, scendiamo, passeggiamo, granitiamo. Briosciamo, pure.

PJ felice, alle 10 la intruppo in un gommone di charteriste milanesi e andiamo a fare il giro: 8 grotte e due bagni, salvo meduse. L’orrido gonfiabile si rivela perfetto allo scopo, contiene 14 persone, perlopiù tardone milanesi da charter a imbarco singolo delle due specie possibili: le forse ex belle e le certamente brutte. Entrambe le specie vengono spinte a forte velocità nei tratti meno rilevanti. Per poi rallentare rapidamente, entrare in grotta, uscire da grotta dopo breve spiega, foto e via. In due ore e mezza hai visto tutto, fatto due bagni, e siamo anche partiti in ritardo e ci ha pure fermato la Guardia Costiera. Scherzi e meduse a parte, bellissimo.

Questa cosa delle meduse è una piaga siciliana, peggio del traffico, in 15 giorni di Sardegna ne avevo vista una sola. Invece qui oggi abbiamo saltato la grotta degli innamorati a causa loro. In compenso, ci è saltato un tonno davanti. Grosso. Hai capito, la riserva integrale?

Proseguiamo il giro verso Est, andiamo a Levanzo a trovare il Maestro. Accosto piano nel porto, mi godo le sue acque chiare e il paesino alloggiato nel suo intorno. Pieno di vita, è cresciuto molto come turismo, da che era una perla un po’ tristanzuola, ora pare assai di moda. Ancoriamo a Cala Fredda, in zona barchini, per stare vicino a Paolo e Marta con i loro amici. Consegno al Maestro i piombi guardiani che mi aveva chiesto, facciamo due chiacchiere e poi, ancora, proseguiamo verso Est. Siamo cotti di sonno arretrato, mi irrito per un nonnulla, ma ancora non posso mollare. Domani metterà Sudest forza 6-7 e io voglio mettere al sicuro la barca per tempo. Dopo aver sondato vari pareri e chiesto in giro abbiamo preferito Trapani a Marsala. Una pausa dalla barca ci piace, ci va di vedere altro mentre sappiamo che la barca è a posto.

Mi impegno per evitare di entrare nella zona vietata che circonda le isolette tra il porto e le Egadi, risalgo il vento a motore, allungo, poi esco il genoa una volta doppiata la boa gialla e mi impegno a bolinare verso il porto. Tutti invece passano dentro e se ne catafottono, ovviamente.

Prepriamo la barca per entrare, poi chiamo l’uomo che mi aspetta, per avere indicazioni. Qualcosa non torna. Mi dice che mi aspetta davanti al fanale verde, solo che Trapani ha almeno 3 verdi nei vari bacini che contiene.

“Il primo verde che incontro?” “Si, sì. Il primo verde, ciò uno scooter rosso”. Ora si dà il caso che il primo verde sia sopra ad una diga frangiflutto isolata da terra.
Li’ già dovevo capire. Invece lo cerco presso gli altri verdi, niente. Richiamo, lui non si capacità dei miei dubbi. Lì realizzo: “Signore, lei è a Trapani, vero?” “No. A Marsala, sono”. Ho preso fischi per fiaschi. Mille scuse con l’uomo a Marsala e ricerca forsennata e ritardataria del numero dell’uomo giusto, mentre la calma sta per abbandonarmi.

Lo trovo, non risponde. Marsala Radio sul 16 diffonde avvisi di burrasca. Milioni di diportisti preoccupati stanno entrando nel porto di Trapani, alla ricerca di in posto. Richiamo il contatto trapanese di Max… no answer.

Consulto pagine azzurre, medito manovre di ingresso al buio… poi riprovo ancora. L’uomo risponde. Mi farà sapere. Mi richiama. Mi aspettano dentro. Evviva!
Qualche peripezia sul VHF per capirsi, poi individuo il bacino di Levante ed entro. Assistenza impeccabile, stile San Felice, doppia trappa e cime della casa.
Scirocco nun te temo.
Buonanotte.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...