Skip to content

2 – La traversata (continua)

3 agosto 2014

Sono le dodici, quando do vela. Sud Ovest, qualche nodo. Con un poco di giri motore, faccio 5 nodi, di più mi parrebbe contro natura. Calo una canna, quest’anno vorrei uccidere meno pesci, parrà strano, ma comincio ad aver pena.

Il vento dura poco, ma alle 15,30 riprende, e’ il Sud atteso, ancora leggerissimo. Ho fatto poche miglia, ne mancano ancora 138.
Sono con mia sorella Giovanna, leggiamo, ci alterniamo nel dare un occhiata ogni tanto, e’ pieno di barche sulla rotta da Fiumara a Ponza.
Alle 4, arriva il rinforzo di cambusa atteso, un bell’allitterato sui 3 chili, seguito dai suoi fratelli fin sotto la barca. Tolgo la canna… almeno per un po’…
Verso le sei spengo, senza motore faccio 5 nodi, che diventano presto circa 6.
Il sole sta per tramontare dietro al genoa, comincia a fare freschetto.
Ore 21. Rilevo Caprera per 267, 105 miglia. Un rinforzo del vento, in prua, mi ha fatto andare di traverso il tonno in saor che avevo preparato per cena. Ho dovuto dare una mano, ora procedo faticando a fare prua, a circa 7 nodi. Si vede chiaro all’orizzonte, spero che sia solo la nuvola di sotto cui sto navigando. È cosi, il vento sotto al sereno crolla di colpo, devo addirittura accendere il motore. L’ unica cosa che non torna e’ l’onda che si è alzata, troppa per un groppo, navighiamo beccheggiando.

2 e mezza. Piove. Lampi e qualche fulmine all’orizzonte. Penso di lasciarli a sinistra, ma poi finisco in una zona di nero assoluto, dove mare e cielo non si distinguono e dove rialzandomi dopo i miei sonnellini ho l’impressione di precipitare giù di prua. Per fortuna, l’aria è comoda al traverso, a volte lasco. Riduco il genoa a un fazzoletto, la randa ha una mano, chiudo tutto e scendo di sotto. Mancano 72 miglia a Cala Portese.

Ore 7 e 40, 42 miglia ancora. Giovanna mi ha dato il cambio alle 6, ora mi ha svegliato per farmi vedere una balena, a poppa. È lontana, vediamo solo lo spruzzo, regolare.
Ha piovuto tutta la notte, con lampi, fulmini e alternarsi di intensità di vento. Di sotto, puntavo il timer su 15 minuti e aprivo gli occhi a 12. Uscivo nella pioggia, controllavo che la rotta fosse libera, la velocità, l’angolo al vento, la rotta, le miglia mancanti. Solo un paio di allucinazioni, un rosso forte e vicino che mi ha fatto correre al timone e che poi non c’era. E una nave enorme, che scorreva a sinistra, rosso al rosso e che improvvisamente mi ha mostrato rosso e verde e poi solo verde. Così vicina che ne sentivo i motori, ma nel rinco del buio non capivo quale fosse la poppa e quale la prua. Ho chiamato Giovanna, che molto mi ha sentito. Poi mi sono messo su una rotta più larga e sono corso giù a prendere il binocolo, che però non e’ stato decisivo. Allora mi sono ricordato del detto:”rosso al rosso, verde al verde, avanti pur, che la nave non si perde”. Ho accostato a sinistra, dando verde al verde. E in pochi secondi l’ho vista sfilare di poppa.

Ora il cielo è mezzo nuvoloso e mezzo blu, a poppa ogni tanto ancora tuona. Procediamo a tutta tela, spinti dallo scirocco previsto, forza 4, a 6-7 nodi. Stanotte devo aver avuto fino a 6 o 7, a tratti camminavo forte con una mano di randa e un tanga di genoa. Poi ho dovuto anche accendere spesso, o perché calava a zero o per mantenere una andatura stabile nei frequenti buchi. Mai più di 2000 rpm.

Ore 10. Mancano 27 miglia, Senza Parole viaggia sul suo binario verso le Bocche. Poco fa, Radiolina ha dato il meteo per la Sardegna, sembrerebbe che stia passando tutto e che ci attendono mari calmi e cieli sereni. In effetti il cielo si sta pulendo dalle nuvolazze del mattino, in particolare verso Ovest.

Ore 12,30. Siamo a 10 miglia. Abbiamo vento da Sud Est, forza 4. Entriamo nelle Bocche a 7 nodi al lasco, non male la finestra che abbiamo preso, considerando che oggi pomeriggio girerà ad ovest!

Annunci

From → Uncategorized

6 commenti
  1. affascinante (cos’è un ‘allitterato’?). Una cosa non capisco: come fa ad essere che una nave ti scorra a destra ‘rosso al rosso’???

    • fpalomb permalink

      E infatti era a sinistra! Grazie. Un alliitterrato e’ un pesce altrimenti detto tonnetto

  2. diecicentouno permalink

    Sei sempre un grande, lasciatelo dire!!
    Buon vento!!

    Francesco

  3. Gommonauta permalink

    Lamma la aveva comandata, la finestra. Vorrei uccidere meno pesci non se po’ senti’ e puzza di scaramanzia da 154 miglia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...