Skip to content

Solo, attorno al Circeo

13 aprile 2014

Un inizio d’aprile promettente, pieno di sole e di temperature anche oltre il mite, durante la settimana. L’altro giorno ho preferito l’ombra, mentre aspettavo di essere servito in una rivendita di legname. Segnali forti, di una stagione che si propone e anche di una birrozza bevuta proditoriamente a pranzo.
Ma poi c’e’ il weekend ed ecco che si annuncia un qualche guasto, l’alta pressione s’indebolisce, l’instabilita’ cresce, Ilmeteo.it comincia a giocarsi la tripla sole-pioggia-nuvole. Si, lo so, il mare e’ buono, i temporali sono annunciati nell’interno, ma quando al sabato ti alzi e vedi il grigio fuori, non ce la fai e torni a letto.
E’ proprio che la settimana di lavoro si sente, ho bisogno di riposo, poi la sera gioca la Roma, PJ deve comunque rientrare presto alla domenica per lavoro e insomma il weekend a Ponza salta.
Pero’ le previsioni per Pasqua non promettono bene, Senza Parole ha la carena appena fatta e non si puo’ trascurare cosi’. Allora il piano e’ fatto: vado di domenica, da solo, come ai vecchi tempi.
Che vuol dire che alle otto e mezza sono al porto, manco mi fermo a comprare un panino. Parcheggio pieno di macchine, scopro che c’e’ una regata, “la Mille miglia” dicono al distributore, della quale non so nulla, ma vedo rientrare molte barche, una ha ancora le luci di via accese. Mille miglia mi paiono un po’ troppine, una roba da una settimana di regata e infatti quel motoscafaro di Mario s’e’ sbagliato, e’ la Cento Miglia, una regata intorno alle Pontine, passando per Gaeta.
Esco, do’ acqua all’ingresso ad una barca sconosciuta, mi saluto con il timoniere: “Ti leggo!” mi dice. Orgoglio e vergogna si mischiano assieme, io qui metto ogni mia minuscola minchiata, mi sento improvvisamente nudo, poi pero’ anche celebre e alla fine va bene cosi’.
A mare, un ponentazzo imprevisto mi sorprende. E’ come se il tempo avesse gia’ virato nuovamente verso il bello, il cielo e’ blu intenso, qualche strato si vede verso terra, per strada ha anche piovuto. Poi e’ certamente un effetto della montagna, mi dico, mentre inizio a costeggiare verso Torre Paola.
Avevo escluso di navigare verso Zannone, prevedendo zero aria, e invece sarebbe forse anche possibile, pero’ fuori questo vento calera’ o forse sono pigro, chissa’.
Giro, piano piano, le lenze in acqua. Unico mio tramite tra il mondo sopra e sotto la superficie dell’acqua. Tanti come me, oggi. Tanti fuori, tanti sotto, ragiono. Chissa’ se c’e’ pesce, qui sotto. Chissa’ se abbiamo qualche possibilita’, noi tutti. Mi torna in mente una immagine, un pensiero tipico da pescatore, quello di poter vedere l’acqua improvvisamente scomparire e vedere il fondale denudato mostrare tutti i pesci che fino ad un istante prima nuotavano. Scoprire cosa c’era, pesci attesi e sorprese, qualche esemplare enorme e furbo, che magari c’e’, c’e’ sempre, ma non si fara’ mai prendere, ne’ vedere. Compio i dovuti giri, attorno al monte e poi fuori, senza risultato alcuno.
L’aria s’arresta un po’ verso l’una, poi riprende piu’ forte, forse era proprio il caso di andare verso le isole.
Quando la passata si allunga verso Terracina, sperimento anche qualche goccia di pioggia, mentre ad ovest il sole ancora sbuca dalle nuvole. E’ il segno, accosto verso il porto, piano piano accorcio la lenza e preparo il rientro. Andar da solo non mi diverte piu’, questa e’ la novita’.

Annunci

From → Uncategorized

5 commenti
  1. non sei piu su facebook? l’ultimo post e’ di giugno 2013

    • fpalomb permalink

      La pagina Vela Senza Parole su fb non riflette il blog… E’ solo per far girare foto tra chi viene in barca… Cerco di risparmiare ai miei ospiti le mie chiacchiere!

  2. BertuzziAndrea@libero.it permalink

    PER MARE: AMAZING

  3. Alberto permalink

    Secondo me, se Posso, è solo questa strana primavera così piovosa
    Eh, signora mia, Non ci sono più le mezze stagioni..
    Vedrai che con il primo fine settimana di sole pieno, magari pescoso, e in buona compagnia, ritrovi il piacere di stare per mare
    E poi devo ancora imparare a pescare, senza il tuo blog come si farà?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...