Skip to content

Perdere l’aluzza

7 luglio 2013

Ho i miei posti, quasi ovunque. Oggi sono a Lucia Rosa, ho il mio posto anche qui. Ma, gia’ arrivando con la barca, ho visto qualcosa che non andava bene. Un gozzetto ancorato in zona operativa, un pallone da sub al lavoro. “E’ finita la giornata” avrebbe detto mio padre, che giustamente bestemmiava ogni sub quando era a traina.
Nonostante cio’ vado, giro lontano, riflettendo sulla assurda regola che permette a loro di tenere a distanza ogni trainista solo esponendo, aggratis, un pallone. Ora semino palloni nei miei punti caldi e poi ci pesco solo io. Vabe’, riflessioni sul diritto primigenio alla pesca come elemento fondante d’una societa’ civile.
Comunque giro largo, anche perche’ e’ inutile pescargli sopra, le prede si tengono distanti. Passo due tre volte a terra, poi mi allungo verso la secca dei mattoni, che puntualmente non trovo, rientro, ed ecco che il pallone e’ lontano a sufficienza per girare intorno a Lo Scoglio.
Lo Scoglio e’ un punto buono, forse buonissimo, ogni passata e’ una partenza, perche’ se non prendi pesce, prendi comunque Lo Scoglio.
Non so piu’ quanti rapala ci ho perso, prima di stabilire che era Lo Scoglio a farli fuori. Sembravano sempre catture eccezionali, ricciole sicuramente, gurdacaso rompevano sempre.
Cosi’, quando oggi ho sentito la canna partire, ho alzato il cimino in alto, a vedere la direzione del filo. Scoglio pieno. Cazzo. Rallento, mi metto al traverso, recupero. Pare che si scagli. Viene. Uhm.
Nel dubbio, a tender fermo o forse addirittura indietreggiante, recupero velocissimo, a dare tensione. Qualcosa sento, che sia solo l’effetto deportante dell’aletta del mio Yo Zuri?
Mi alzo in piedi, il filo punta a fondo. C’e’ qualcosa, vedo, e’ una aluzza discreta che si rende conto del tender e comincia a fare pazzie con l’amo in bocca. Devo prendere tempo, ridare velocita’ al tender, stacco la mano, do’ gas, troppo, osservo la rotta, correggo, rallento un poco, recupero e… se ne va. Giro ancora, ma so che e’ inutile. Il pesce che si slama avverte gli altri.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...