Skip to content

Ripartenza

1 luglio 2013

I miei amici barbieri si presentano come al solito gravidi di cambusa. 5 etti di prosciutto io non ho mai avuto il coraggio di chiederli. Ciccio si.
Cosi’ come non si fa problemi ad imbarcare formaggio, mozzarelle, olive, biscotti, merendine, zucchero, pane, insalata, pomodori, salatini, acqua, birra, vino, vodka, lemonsoda e forse qualcos’altro che ho rimosso.
Li imbarco tutti dal benzinaio, dove pochi attimi prima sono scese le ragazze, distese, abbronzate e felici (di scendere, vabbe’, questo non lo dite).
In un attimo siamo fuori, loro tutti in ciabatta e fantasmino, io presto vestito che fa freddo, tanto per cambiare.
Diamo vela, si va bene, destinazione Palmarola, la natura preferita alla vita mondana.
Ciccio sta sotto fisso e manda su panini a raffica. Sopra viene sete, cosi’ numerose bottiglie di vetro pssano dal frigo al pattume, dopo essere state doverosamente svuotate. Tutti hanno in tasca coltellini, apribottiglie, accendini, torce. Non serve mai nulla, hanno tutto.
Si fa buio. Buio buio, manca la luna. A 4 miglia accendo, mi fanno da faro 4 barche ancorate la’ dove vorrei mettermi io, alle Grarelle, sul lato Est dell’isola. Ancoro su un fondo di 7 metri, prudente.
Accendo la TV, guardiamo le chiacchiere post partita e li’ cedo al sacco a pelo e crollo.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...