Skip to content

Quel senso del dovere…

10 febbraio 2013
San_felice_circeo-20130210-002

… Che ti spinge ad andare a controllare la barca d’inverno, perlomeno una volta al mese, che ti obbliga ad alzarti alle 6 e mezza per approfittare di una giornata di sole, di mare praticabile, di vento non ostile.
Per quello sono qui, ecco, stuzzicato dal Maestro che mi ha proposto una giornata di pesca, sempre poco fruttifera di questi tempi e dunque non bastante di per se a giustificare l’abbandono del piumino all’alba.
Cosi’ e’ piu’ lo stupore che l’eccitazione, quando la canna si anima improvvisamente, a soli 10 minuti dal porto. Tre incurvate del fusto: zung, zung, zung. Pesce. Stavo giusto mollando un’altra lenza a galla, abbandono subito e afferro l’attrezzo puntandomelo sull’addome, che anche la cinta era ancora nel gavone. Assisto inerme alla prima fuga, poi si ferma, recupero una lenza in bando pensando che si sia slamato, dopo un minuto riparte, stavolta molto piu’ forte, con varie accelerazioni, poi rallenta, riparte.
“Andiamo fori!” urlo al Maestro che stava recuperando la sua.
Penso ad una spigola di 10 chili almeno, il pesce del secolo, spero solo che si stanchi. Ecco s’e’ fermato, ora provo a tirar…stackkkk…lenza moscia. Spero nella riedizione del miracolo di prima, ma invece niente, recupero 200 metri di monel moscio ed un Viper con l’ancorotto sotto la pancia piegato e quello di coda con tracce di pelle. S’e’ slamato. Temo strusciando sul fondo, forse no, chissa’.
Pesce anomalo, non un comportamento da spigola, dice il Maestro. Forse un allitterato, o una leccia. Passate e ripassate, allunghi fino a Sabaudia, rientri a Levante, tutto tempo buono solo per prendere il sole, fare due chiacchiere, sgranocchiare la pizza del forno sul corso.
E’ andata come si sapeva, solo si resta con la sensazione della cattura irripetibile mancata, un pesce di 10 chili su 8 metri, fondo sabbia, mese febbraio…

Annunci

From → Uncategorized

One Comment
  1. Soreta permalink

    Anche io giocato male a golf. Giornata meravigliosa, sole caldo, senso del dovere al dio sole…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...