Skip to content

Dopo le lettere…

1 luglio 2012

Img-20120701-00892

Che c’e’ di meglio di una partita a “Merda!”? Giusta punizione per averli costretti alla Ravera e alla Alberti. In piu’, e’ scattata la cassetta della disco anni 70 di logonwoodiana memoria, quella di agosto scorso, quando proprio qui appapa’ e ammamma’ mi lasciarono qui a bebisitterare il truciolino biondo.
Ma il sonno ha buon gioco e cosi’ per la seconda volta di fila mi attardo in cabina fino alle otto (!).
Poi si esce e ascolto le parole piu’ belle che un uomo possa udire, quindi mi organizzo, controllo se il tender ha sufficiente miscela. Solo che qualcosa non va, il serbatoio e’ in una posizione sbiega, assurda, scomposta, triste. Sembra sgonfio, ma come e’ possibile? Egli giace in diagonale su un paiolo moscio come un materasso di spugna. Cazzo cazzo cazzo, ho il paiolo bucato, ma come cazzo e’ possibile, porcoddena salto a bordo, salamatrosca trovo un mozzicone a prua, vuoi vedere che li mortacci di qualche figliendrocchia… la bruciatura del minchione e’ netta, col buchino in mezzo, quel testa di cazzo del Sun Odissey 49 ciccione che avevo a fianco e’ uno che fuma e non so se mi fa incazzare piu’ che tira le cicche a mare o che mi ha centrato il gommone, figlio di quel tegame de tu ma’, vestita da pirata.
Provo a dire menomale che non il serbatoio non ha preso fuoco e siamo ancora tutti vivi, ma non basta, eppoi ci sono le parole di Filippo, ma io devo incollare il paiolo, allora cerco la colla, ma aspe’, mi sa che l’ho regalata ad Ilva, la mitica colla bicomponente di Totonno che usai sotto Tavolara facendo un guazzabuglio infernale mentre il bicchiere di plastica mi si squagliava in mano.
Quindi niente colla, niente riparazione, niente bisogno di 24 ore di fermo, la faccia mogia di Filippo e le sue parole (“Ti prego, portami a pescare”) compiono il miracolo, gonfio il paiolo a palla, sembra tenere, perlomeno il tempo d’una trainella, sicche’ i tre rampolli saltano a bordo felici, gli calo due canne, la seconda la passo a Filippo che neanche avevo finito, col pesce gia’ in canna!
Alla fine sono 3 barracuda, una occhiata, un rapalino tagliato da un elica di un amico busone del ciccione fumatore, un vermino strappato, un filo tagliato.
I bimbi raggianti tornano gloriosi, Filippo pulisce, Max sfiletta, la frittura e’ la mia prossima consegna.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...