Skip to content

25 – Arpoador

18 dicembre 2011

Img01947-20111218-1726

Finalmente dormo fino a tardi – le 7 e mezza. Anticipo la colazione, il maxi schermo dell’albergo da’ la supercoppa Santos-Barcellona. Due ragazze si disperano a vedere il Santos soccombere. Questo e’ il posto dove le donne amano il calcio, lo dico ai maschietti che volessero lasciare Roma e trasferirsi qui. Si potrebbe anche aggiungere che c’e’ la pista ciclabile (con i km segnati, a Roma che ci vorrebbe?) che mi passa sotto l’albergo. Se l’attraverso, entro nel mini-mall River, dedicato agli sport che piacciono a me: surf e skate (mi sa che non resisto e uno skate lo compro). E la pesca? Eh, la pesca! La zona si chiama Arpoador, cioe’ lanciatore di arpioni ed e’ la base della flotta di piccola pesca di Rio.
Certo, per chi volesse trasferirsi qui da Roma occorre ponderare bene: una citta’ dove si spara per strada, dove l’ammistrazione ha legami con la delinquenza organizzata e personaggi provenienti dall’estremismo extraparlamentare non puo’ essere un posto sereno per vivere. Invece qui a Rio tutto sembra tranquillo, ci sono anche le bici comunali aggratis, mica come a Roma che l’hanno tolte.
Vabe’ approfitto di tutto cio’ e vado a correre a Copacabana, lungo la ciclabile. Manco ci sarebbe bisogno, oggi le macchine non passano, poi c’e’ un marciapiede immenso e al limite anche la spiaggia. Ha piovuto, il cielo e’ grigio, molto umido. Ma tutti sono fuori, ci sono grandi partite di beach (volley, calcio, racchettoni) e anche una corsa, corrida-da-longevidade o qualcosa del genere. Faccio quasi 5 km, arrivo sotto il Pan di Zucchero e torno indietro.
Doccia e di nuovo fuori. Passeggio per Ipanema, dove www.ipanema.com, mia guida on line finalmente trovata, dice che gli abitanti non vedono motivo per allontanarsene, nel senso che c’e’ tutto. Mi riconosco nello snobismo di chi vive in un bel posto, aiutato anche dalla mia proverbiale pigrizia e vado verso il mercatino hippy di piazza General Osorio. Ci sarebbero molti oggetti da comprare ma sono discretamente ossessionato dalla dimensione dei miei bagagli. Tanto lo so che alla fine scattera’ la seconda valigia, tanto varrebbe prenderla subito. Recap prossimi passi:
Domani lunedì 19 mi passa a prendere Manoel Fernando e mi porta in visita nei posti tipi Rendentore, Maracana’ etc. Trovato un volantino in spiaggia, gli ho scritto e domani passa in albergo e mi porta. Chiartamente sara’ un rapinatore trans argentino fratello di Plinio Fernando (usare google immagini e notare la somiglianza con Lupi)
Il 20 parto alle 18 per Belem. Ho scritto al proprietario della Residencia dove vado (n.1 su Trip advisor) e mi viene a prendere lui in aeroporto, all’una di notte (bene). Chissa’ se si puo’ visitare il Rio Amazonas in aeroplano, o magari idrovolante?
Il 22 pomeriggio parto per Guadeloupe. Ancora non ho preso l’albergo. C’e’ un 2 stelle a tipo 80 euro vicino all’aeroporto. Commenti su Hotels.com abbastanza agghiaccianti. Boh, vedremo.
Il 23 parto per Antigua, alle 9 di mattina. Nicola e’ partito, ora e’ a Londra, poi arriveranno anche Nura ed Elisabetta, pare, sembra, pare, che avremo anche una hostess, Chiara. Tutti in catamarano fino al 9 gennaio. Pranzo al Sindicato do Arpoador, dietro casa. E’ un posticino all’angolo, sempre pieno, molto popular, dove mi ripromettevo di andare. Faccio amicizia con due arpoadores che mi volevano fottere il posto in coda e pago solo reais 23.
Verso le 4 riesco, vado diretto da Gunther a comprare uno skateboard. Non resisto, hanno anche chiuso la strada sotto e tutto il lungomare e’ una immensa pista. Arrivo fino alla fine di Ipanema, mi fermo a vedere un torneo di calciotennis, poi torno indietro fino all’albergo. 7 km circa di quello che un tempo chiamavamo passo-spinta e che ora intuisco si dice “carving”. Un bel bucio di culo, come dicono i brasiliani. Windsurf, corsa, skate… ma non potevo venire qui a fare turismo sessuale come tutti? Boh. intanto per bilanciare, stappo una birra e guardo Napoli-Roma in TV. Mi sento che stasera segna Simplicio.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...