Skip to content

20 – Torna il vento

13 dicembre 2011
Img01851-20111213-0811

Dopo la delusione della partita, appena consolata da un Big Burger con dentro formaggio, frittata, cipolla, pomodoro, insalata e accompagnato da batata fritta, stranamente non ho più fame.
Mi sposto da Maurizio, ritrovo degli italiani di Jeri. “Che vuoi mangiare oggi, carboidrati o proteine?” mi chiede Carlo.
Qui ci si esprime cosi’, un po’ il mito dell’alimentazione da atleta, un po’ la fame di chi pranza con un po’ di frutta e dunque a cena vede solo la quantita’ e l’apporto calorico. Ma io stavolta declino, mi basta il Big Burger.
Tornano gli escursionisti da Camocim, nel viaggio di ritorno il pickup ha perso una tavola. E’ come un lutto, la tristezza pervade tutti, Marcello ci continua a pensare fino al giorno dopo. Anche perche’ le voci dicono fosse nuova. Poi in realta’ si scopre che era appena comprata si, ma usata. Poi il poverino chiarisce che in realta’ pensava di comprare una nuova tavola, ma invece, no, era la sua vecchia. Allora improvvisamente sale uno sticazzi sottointeso, la tavola vecchia e’ una roba che fa meno empatia. A proposito, ricordate il naufrago Sasa’, quello che aveva perso la vela a mare? Ebbene sono andati a riprenderla a Camocim, ma hanno scoperto che non era la sua. Qui c’e’ una intera Economia del Sottovento, che campa ripescando la robba persa a mare (o in macchina, deduco).
Intanto, io dopodomani parto e sale un po’ di ansietta da partenza. Quindi stamattina mi sveglio presto, che piove ed e’ scirocco e faccio mente locale: Ho pagato Edvan per la tavola (stava cominciando a pensare che volessi scappare e mi inseguiva di corsa per strada, roba che di solito per salutarti muove appena il pollice destro). Ho chiesto un transfer sia al Club Ventos che a Maurizio, vediamo chi fa prima. Back-up: l’autobus che parte tipo alle 14,40 e arriva alle 21. 6 ore e mezza vs 4. Cerco un hotel a Guadeloupe, apparentemente un posto carissimo, 200 euro a notte. Medito di dormire in aeroporto, il mio scalo li’ dura dalle 20,30 alle 9,00 del giorno dopo. Qui mi illumina google, c’e’ un sito che si chiama tipo www.sleepinginairports.net che fornisce consigli e impressioni su come e’ dormire in tutti gli aeroporti del mondo. Point a Pitre ha un solo report, pero’ confortante, si puo’, al massimo e’ consigliato un materassino. Tra taxi e aeroporto risparmiati, potrei ripagarmi 1/5 della Tassa sul Lusso dei Poveri Possessori di Imbarcazioni Vecchie ma che pagano come nuove (che ti potevi aspettare da uno che si chiama Monti? una sovrattassa sugli skilift? E’ colpa della sinistra che non ha voluto fare la legge sul conflitto di interessi).
Poi va via la corrente, internet si spegne, chiudo il pc e vado a mare. Il vento ha rialzato, esco con la 4,8 Simmer Style Blacktip di Edvan, si va alla grande, alla fine e’ perfino troppa.
Un paio di uscite di due ore, poi esco quando vedo che divento meno concentrato.

Annunci

From → Uncategorized

3 commenti
  1. michele permalink

    Caro Francesco,le notizie sulla nuova tassa di stazionamento si rincorrono ma, a quanto pare, all’ultimo minuto é stato reintrodotto il criterio della vetustà a scapito dei fumatori che si sono visti le accise sui tabacchi aumentate.Quindi, ora, pare che la tassa sarà per noi "poveri velisti" abbordabile.Speriamo non ci siano ulteriori cambiamenti.Saluti, Michele

  2. Francesco Palombelli permalink

    <div><font size=2 color=navy face=Arial> Grazie Michele.<br>Non so se continuare ad aggiornare il mio post, o aspettare la conversione in legge. Il percorso e’ ancora lungo.</font></div>

  3. Ragazzi,non so "senzaparole" da quanto è lontano dalla nostra terra.Sono arrivato in queso sito per caso e un po mi ricorda la storia che andrò a raccontare nelle prossime settimane ma non tanto in termini di contenuti ma più che altro per lo stile di "avventura".In ogni caso in parte non dovresti essere neanche colpito dalla stangata sulla benzina… grazie al cielo per te la benzina è il vento ma occhio che primo o poi ci faranno pagare anche l’aria!.Scusate per l’intrusione e se ti va vienimi a trovare anche a tempo perso per leggere la storia di tanto in tanto.Grazie e in bocca al lupo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...