Skip to content

I grandi tutorial di Senza Parole: Dove ancorare a Ponza in barca a vela

15 giugno 2011

Magica Ponza, isola ultra-nota, eppure temuta dai diportisti, per la folla, i prezzi alti degli ormeggi, il traffico di motoscafi e traghetti.
Ma per fortuna, anni ed anni di esperienza e tentativi sono ora divulgati dal presente post, dopo il quale siete tutti tenuti ad offrirmi una pizza, perlomeno!
Cominciamo dal momento topico, quello nel quale il diportista si incomincia ad angosciare: l’ancoraggio della sera per scendere a terra, al porto. Qui premetto che il codice della navigazione prevede che non si possa lasciare la barca all’ancora senza equipaggio e che le ordinanze che regolano l’ancoraggio in rada sono ovviamente da rispettare, per il resto, regolatevi! Avete diverse alternative.

Ponza

1 – Bacino Portuale. Offre il ridosso migliore. Ci sono diversi pontili galleggianti, da Ponza Mare (il migliore, il più ridossato, gli ormeggiatori più gentili, ma, come tutti, caro arrabbiato) a quelli a Santa Maria. Io li sconsiglio. Certo, potete scendere a terra, avete acqua e corrente, ma ci sono alternative. Una e’ la banchina Aliscafi di molo Musco. Dalle 19 in poi, in estate, si libera fino alle 8,00 del giorno dopo. La capitaneria gestisce la lista d’attesa, per la quale occorre attendere in rada, ormeggiati tra le 4 boe che delimitano la minuscola area dove e’ consentito l’ancoraggio in rada. Il problema e’ che occorre essere li’ dalle 17, per essere sicuri di entrare. E bisogna stare di punta ad intercettare il gommone della CP per mettere il nome in lista. E poi attendere, magari fino alle 21, di essere chiamati. Una volta ancorati, controllo meticoloso dei documenti in Capitaneria e rollio assicurato in caso di Levante. E sveglia alle 7 per levare ancora. Niente servizi, pero’ e’ gratis, magari date una mancia agli ormeggiatori. Io consiglio pero’ un’altra tattica. Alle 19, le barche cominciano ad essere chiamate per andare in banchina. Liberano dei posti in pole position, all’interno delle boe. Entrate, calate (poco) e siete in regola!
E se fate più’ tardi? Dopo le 20 entra la nave, quella che pernotta in porto. Per farla entrare, la CP sloggia tutte o molte delle barche fuori dell’area autorizzata. Infatti quando entra deve girarsi, e spazzare l’area della rada, fino quasi alle boe. Ma una volta entrata l’esigenza sparisce, e se ci fate caso, nella notte, molte barche si ormeggiano fuori dalle 4 boe. Perche’ all’alba, quando esce, non dyeve ruotare, esce dritta per dritta!
Insomma potete trovare posto a pochi metri dalle banchine del porto e raggiungerlo in tender.
2 – Frontone. Ampio e sicuro, entra più vento da ponente e tenendo conto che dovete tenervi lontano dalla direttrice Scoglio Ravia – spiaggia, per evitare il traffico dei Caronte, troverete il viaggio AR dal porto un po’ avventuroso. Qualche schizzo, insomma.
3 – Cala del Core. Come Frontone, più lontana (1mg) ma più tranquilla come affollamento. Ridossa un po’ meno.
4- La Parata, vicino ai Faraglioni di Punta Madonna. Tranquilllo, vicino al porto (0,4 mg). Un po’ di rollio, qualche scoglio sommerso traditore, ma acqua pulita e bagno al mattino eccezionale. Ancoraggio solitario e segreto, ha lo svantaggio che la barca non e’ visibile se non dall’ Hotel Bellavista.
Conclusione: In definitiva, la soluzione migliore e’ la 1. Anche perche’ il rientro dei motoscafi vi farebbe penare dalle 18 alle 20 in ognuno degli ancoraggi 2,3,4. Restate lontano fino a tardi e rientrate dopo le 19.
Pizza, grazie!

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...