Skip to content

Massaia time

27 marzo 2011

Img00512-20110327-1525

Domenica eccellente, amici! Molto più’ caldo e sole di ieri. Tanto da stare in calzoncini e per la prima volta in questa stagione A PIEDI NUDI! Son cose belle. Stamane giretto in paese a Ponza, il tender e’ pieno d’acqua, dannaz, sara’ bucato? Vabbe’, autosvuoto con una andatura impennata e pace, lo riparero’ al rientro. Il paese e’ giustamente vuoto, la maggior parte dei negozi e’ chiusa, ad esempio Totonno, Brezza di mare, Brandina, l’alimentari delle sorelle, il forno della focaccia al rosmarino. Qualcuno sta sistemando, come Brezza di mare o il Chiodo. Quando la giornata fa intravedere che ha deciso di mettersi a bello, la pianto con queste minchiate terricole e torniamo a bordo. Giretto a pesca in tender, unica preda una occhiata discreta che Giovanna mi spinge a salvare. Vabbe’… Verso le 12 rientriamo.
Tiro su il tender… La drizza spi ancora non scorre bene… Da quando l’abbiamo dovuta ripassare perche’ si e’ rotta, non ha più’ funzionato correttamente. Stavolta do’ la colpa al bozzellino di uscita sull’albero. Dovrei andare a riva… Preferisco usare il winch, con il quale il tender e’ subito su. Esamino il fondo, pare intatto… ma il tappo? E’ aperto anche se e’ messo su chiuso…miii! e’ solo svitato! Devo averlo svitato per lavarlo, in autunno… Meglio.
Salpo l’ancora, a motore piano piano mi tengo su una batimetrica tra i 10 e i 20, ma non becco nulla. Passata Gavi, l’apparente e’ al traverso, 4-5 nodi, mi arrischio il gennaker, cosi’ provo il nuovo loop in dyneema che mi sono costruito e la pastecca presa da Spraystore per il barber. Ho culo, la vela sta su e Giovanna non si lamenta dei 3 nodi che faccio. Ma ho culo anche perche’ il vento tiene come direzione e aumenta un po’ di intensita’, ora faccio 5 nodi.
Cosi’ mi metto a dare una pulita al pozzetto. Provo un pasta miracolosa che Maria mi ha regalato per Natale e che contiene sapone e argilla. Praticamente pasta abrasiva, anche se le istruzioni negano. Comunque e’ fenomenale per le macchie di nero che sono comparse dopo che ho dato l’olio al teak. Non capisco come, deve essere l’olio che finisce sul gelcoat che attira lo sporco e lo consolida, temo. Mi sa che ho litigato pure con quest’olio Iosso, scurisce il teak e sporca il gelcoat.
Vabe’ poi passo anche la cera, provo per la prima volta questo prodotto al Carnauba (non mi chiedete cos’e’), la cosa fica e’ che lava e incera in una sola passata senza lucidare. L’effetto sembra buono, provo a darla anche su una porzione di teak, vediamo che succede.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...