Skip to content

Un sabato italiano

19 febbraio 2011
Img00378-20110219-1324

Dopo un paio di bordi lungo la montagna (foto), mi sono riparato a Levante, trainando lungocosta verso Terracina. Poche barche a mare, forse il tempo, poche reti. Ora sembrerebbe un poco passata la sbuffata da Ponente, che e’ arrivata sui 20 nodi. Sicuramente sotto la cappottina, faccia al sole, e’ caldo caldone. Ho girato l’ecoscandaglio e controllo il fondale da qui.
Poco fa grande emozione, ho preso un fondo di quelli traditori, che da’ la botta, fa partire la canna, lo senti pesante, poi addirittura va in fuga (un po’ lunghetta), poi segue (un po’ troppo docilmente, in effetti). Sono arrivato a far aggallare il Viper prima di realizzare che era la classica “ciuffazza” di alghe che prende, molla e poi riprende. Io intanto gia’ pensavo: coppo o raffio? regalo o trattengo? Quando pensi cosi’, e’ chiaro che e’ fondo. Anzi sono convinto che prima era pesce, poi questi pensieri hanno trasmutato una spigola di 6kg in una mappazza di posidonia.
Che ne sapete, voi?

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...